Pellizza da Volpedo

Pellizza da Volpedo

lunedì 8 febbraio 2016

rassegna fiscale periodica

IN BREVE
·         Precompilata: comunicazioni da trasmettere entro il 29 febbraio 2016
·         Slitta al 9 febbraio la comunicazione delle spese sanitarie
·         Pubblicati i modelli definitivi di 730, 770, IVA e Certificazione unica
·         Novità sull’assegnazione agevolata di beni ai soci
·         Nuova detrazione IRPEF per l’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B
·         Il credito d'imposta per strutture alberghiere
·         Opzione per l’IVA di gruppo entro il 16 febbraio 2016
·         IVA al 4% per quotidiani e periodici online
·         Consultabile tramite il cassetto fiscale il prospetto riepilogativo pluriennale relativo all'applicazione degli studi di settore
·         Maggiorazione diritti di segreteria per il deposito del bilancio
·         Tasse portuali: le misura in vigore nel 2016

APPROFONDIMENTI
·         Precompilata più ricca. Le comunicazioni da trasmettere entro il 29 febbraio 2016
·         L’assegnazione agevolata di beni ai soci





IN BREVE

NUOVE LEGGI

Pubblicata la legge di Stabilità 2016

Legge 28 dicembre 2015, n. 208
La legge di Stabilità 2016 è approdata in Gazzetta Ufficiale (n. 302 del 30 dicembre 2015, Suppl. Ord. n. 70): è formata da un solo articolo, con 999 commi.
Anticipiamo in estrema sintesi le principali (e numerose) novità in ambito tributario, societario, aziendale e professionale.

(Vedi l’Approfondimento)

In Gazzetta il decreto “milleproroghe”

D.L. 30 dicembre 2015 n. 210
È approdato a fine anno in Gazzetta Ufficiale anche il decreto c.d. “milleproroghe. Tra le proroghe previste dal provvedimento segnaliamo:
a.      nell'ambito del processo amministrativo, di 6 mesi del termine a partire dal quale tutti gli atti e i provvedimenti del giudice, dei suoi ausiliari, del personale degli uffici giudiziari e delle parti devono essere sottoscritti con firma digitale e della relativa sperimentazione del processo telematico;
b.      al 31 dicembre 2016 del termine a decorrere dal quale i cittadini di Stati extraUe che siano regolarmente soggiornanti in Italia, potranno utilizzare le autocertificazioni;
c.      al 31 dicembre 2016 del termine per la gestione associata delle funzioni fondamentali da parte dei piccoli Comuni;
d.      al 30 giugno 2016 del termine per la delimitazione dei distretti turistici per rilanciare l’offerta turistica da parte delle Regioni;
e.      in materia di requisiti tecnici ed economici per la partecipazione a gare di appalto e lavori pubblici;
f.       di un anno del termine per l’adeguamento al Sistri (Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti);
g.      al 30 giugno 2016 della possibilità dei Comuni di avvalersi di Equitalia per l’accertamento, la liquidazione e la riscossione dei tributi locali;
h.      al 31 dicembre 2016 del termine a decorrere dal quale è previsto l’obbligo della tracciabilità di vendite e rese di giornali, quotidiani e periodici attraverso l’utilizzo di strumenti informatici.


RISCOSSIONE E VERSAMENTI

Interessi legali allo 0,2% dal 1° gennaio 2016

D.M. 11 dicembre 2015
Dal 1° gennaio 2016 il tasso di interesse legale, che per un anno è rimasto allo 0,5%, scenderà allo 0,2%.
La variazione del tasso legale ha risvolti anche in ambito fiscale:
·         in caso di ravvedimento operoso, il tasso legale da applicare è quello in vigore nei singoli periodi interessati, secondo un criterio di pro rata temporis; sarà quindi pari allo 0,5%, fino al 31 dicembre 2015 e allo 0,2% dall’1° gennaio 2016 e fino al giorno del ravvedimento;
·         in caso di rateazione delle somme dovute per effetto di istituti deflativi del contenzioso (quali adesioni agli inviti al contraddittorio o a PVC, accertamenti con adesione, acquiescenza all’accertamento, conciliazione giudiziale) la misura del tasso legale deve essere determinata con riferimento all’anno in cui viene perfezionato l’atto di adesione, rimanendo costante anche se il versamento delle rate si protrae negli anni successivi (Circolare Agenzia Entrate 21 giugno 2011 n. 28/E).

 

Invio delle cartelle Equitalia sospeso (salvo eccezioni) dal 24 dicembre al 6 gennaio

Equitalia ha comunicato la sospensione dell'invio di cartelle e atti, con l'eccezione dei casi inderogabili, dal 24 dicembre al 6 gennaio. Non un blocco totale, quindi: ci sono atti cosiddetti inderogabili per i quali non può essere applicata nessuna "tregua".
Secondo le previsioni di Equitalia sono quindi stati recapitati solo alcune migliaia di atti e non i 250mila previsti per quei giorni.


IRPEF

Le nuove tabelle Aci per la determinazione dei fringe benefit 2016

L’Agenzia Entrate ha pubblicato le tabelle elaborate dall’Aci per la determinazione del fringe-benefit di auto e motocicli aziendali concessi in uso promiscuo a dipendenti.
Si considerano concessi in uso promiscuo i veicoli che, messi a disposizione del lavoratore anche a scopo personale, costituiscono una forma di remunerazione vera e propria e quindi sono inclusi nella voce “valori in genere percepiti a qualunque titolo dal lavoratore”. L’addebito come “fringe benefit” è pari ad un ammontare pari al 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 KM in base alle tabelle ACI.
I costi chilometrici indicati dalle tabelle ACI possono essere utilizzati anche per determinare il rimborso spettante al dipendente o all’amministratore che utilizza il proprio veicolo per una trasferta aziendale.

Gli scaglioni e le aliquote IRPEF 2015 e 2016

L’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) è una imposta diretta e progressiva, proporzionale al reddito percepito dal contribuente.
La progressività è garantita dai diversi scaglioni di reddito, ai quali corrispondono aliquote diverse.
Gli scaglioni e le aliquote IRPEF in vigore per il 2015 e per il 2016, al netto delle addizionali locali, sono così riepilogati:

Reddito imponibile IRPEF
Aliquota
IRPEF dovuta
fino a 15.000 euro
23%
23% del reddito
da 15.001 fino a 28.000 euro
27%
3.450,00 + 27% sulla parte oltre i 15.000,00 euro
da 28.001 fino a 55.000 euro
38%
6.960,00 + 38% sulla parte oltre i 28.000,00 euro
da 55.001 fino a 75.000 euro
41%
17.220,00 + 41% sulla parte oltre i 55.000,00 euro
oltre 75.000 euro
43%
25.420,00 + 43% sulla parte oltre i 75.000,00 euro


AGEVOLAZIONI

Ridotto il credito d’imposta sul carburante impiegato per taxi, NCC e motoscafi

D.P.C.M. 29 settembre 2015 (G.U. 11 dicembre 2015, n. 288)
È stata ridotta l’agevolazione sui carburanti impiegati per taxi, noleggi con conducenti (NCC) e motoscafi adibiti al servizio pubblico da banchina per il trasporto di persone. Il credito d’imposta di quanto spettante in base alle disposizioni istitutive e attuative è stato ridotto:
·         del 49,41%, per il 2015;
·         del 56,87%, dal 2016.

Beneficio "prima casa" anche se il contribuente vende l'immobile e ne riceve uno in donazione

Corte di Cassazione, Sentenza 13 novembre 2015, n. 23219
La Cassazione ha sentenziato che il contribuente che vende l'immobile prima dei 5 anni dall’acquisto e ne acquisisce un altro a titolo non oneroso, per donazione, non perde le agevolazioni fiscali sulla prima casa.
Il punto n. 4 della Nota II bis, Parte Prima, della Tariffa allegata al D.P.R. n. 131/1986 riconosce espressamente l'agevolazione sia ai trasferimenti onerosi sia a quelli gratuiti; per il mantenimento dell'agevolazione deve procedersi "all'acquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale".
Anche l'art. 7, legge n. 448/1998 riconosce un credito d'imposta in caso di trasferimento intraquinquiennale con successivo acquisto entro l'anno, sia quando il nuovo acquisto è oneroso sia quando è gratuito.


SOCIETÀ

Stampa e aggiornamento registri contabili e libro inventari

È opportuno ricordare che entro il 30 dicembre di ogni anno (tre mesi successivi all’invio delle dichiarazioni) i contribuenti che utilizzano i sistemi meccanografici per la tenuta della contabilità devono effettuare la stampa dei registri contabili e aggiornare e sottoscrivere il libro inventari.

(Vedi l’Approfondimento)


IMPOSTA DI BOLLO

Nuovo modello per la dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale

Agenzia Entrate, Provvedimento 17 dicembre 2015, n. 160709
Con Provvedimento 17 dicembre 2015, n. 160709 l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di dichiarazione dell’imposta di bollo dovuta in modo virtuale, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica.
La nuova versione del modello costituisce un aggiornamento di quello approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 14 novembre 2014, n. 146313 e prevede la possibilità di scomputare l’acconto effettivamente versato nell’anno di riferimento della dichiarazione sulle rate bimestrali e/o sull’acconto dovuto per l’anno successivo (Circolare n. 16/E del 14 aprile 2015).

(Vedi l’Approfondimento)
RAPPORTO FISCO-CONTRIBUENTE

Dall'Agenzia Entrate un'APP fiscale per smartphone e tablet

L'Agenzia Entrate ha reso noto che, dal 21 dicembre scorso, tutti i cittadini potranno scaricare un'APP per accedere a una serie di servizi ad hoc direttamente sul proprio smartphone o tablet. In questo modo, i contribuenti potranno andare in ufficio evitando di fare la coda con il web-ticket dell'Agenzia, vedere i tempi di attesa del proprio turno e chiedere l'abilitazione e il Pin per Fisconline ed Entratel, i servizi telematici delle Entrate. Per gli utenti già registrati, invece, sarà possibile consultare le informazioni contenute nel proprio cassetto fiscale, come ad esempio i versamenti effettuati tramite modello F24 e le dichiarazioni fiscali presentate, e accedere a una serie di funzioni utili come il cambio password e il recupero password iniziale. Per permettere a tutti di prendere confidenza col nuovo strumento, sul canale YouTube dell'Agenzia, https://youtu.be/glXKcvbBJxY, è stato pubblicato un video tutorial che spiega in modo semplice e veloce come funziona in pratica la nuova app.






APPROFONDIMENTI

DICHIARAZIONI
Precompilata più ricca. Le comunicazioni da trasmettere entro il 29 febbraio 2016
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 13 gennaio 2016 che stabilisce termini e modalità di trasmissione all’Agenzia delle Entrate, ai fini della dichiarazione dei redditi “precompilata”, dei dati relativi alle spese universitarie, funebri, per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica.
Le spese agevolabili dovranno essere comunicate, esclusivamente per via telematica, entro il 28 febbraio di ogni anno, già a partire dell’invio dei dati riguardanti lo scorso anno, necessari all’elaborazione dei modelli di dichiarazione 2016.
I contribuenti potranno consultare la loro precompilata dal 15 aprile.
Entro il 29 febbraio 2016, quindi, (la scadenza slitta al 29 febbraio perché il 28 cade di domenica) dovranno essere trasmesse telematicamente le spese riferite al periodo d’imposta 2015.

Spese universitarie - Gli atenei, statali e non, devono trasmettere, per ciascun studente, una comunicazione contenente le spese, sostenute nell’anno precedente, relative a:
·       frequenza di corsi universitari;
·       frequenza di corsi universitari di specializzazione;
·       frequenza di corsi di perfezionamento;
·       frequenza di master assimilabili a corsi universitari o di specializzazione;
·       di iscrizione a dottorati di ricerca.
Insieme all’ammontare delle spese andrà indicato anche chi ha “materialmente” sostenuto i costi.
Le somme sono da considerarsi al netto di rimborsi e contributi con separata indicazione di eventuali rimborsi ricevuti nell’anno di riferimento della dichiarazione dei redditi ma relativi a periodi precedenti.

Spese funebri - Le imprese del settore devono tramettere l’ammontare dei costi riferibili a ogni decesso, indicando i dati del defunto e dell’intestatario della ricevuta fiscale.

Interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica - Banche e Poste devono comunicare i dati dei bonifici di pagamento emessi dai contribuenti per questo tipo di lavori. Si tratta delle stesse informazioni già trasmesse, con finalità di controllo, in base all’art. 3, del D.M. n. 41/1998, come modificato dal D.M. n. 153/2002.
La comunicazione deve contenere gli identificativi del mittente, del contribuente beneficiario della detrazione e del destinatario della somma.

Il decreto del 13 gennaio 2016 rimanda infine a un successivo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate riguardo alle modalità tecniche per la trasmissione telematica delle comunicazioni.


AGEVOLAZIONI
L’assegnazione agevolata di beni ai soci
La legge di Stabilità 2016 prevede interessanti agevolazioni in materia di assegnazione di beni ai soci di s.n.c., s.a.s., s.r.l., s.p.a. e s.a.p.a..
L'assegnazione di beni ai soci può avvenire:
·         in fase di liquidazione della società;
·         in fase di liquidazione della quota al socio receduto o escluso;
·         in fase di riduzione reale del capitale mediante attribuzione di beni;
·         ma anche in caso di distribuzione di utili in natura.

La normativa introdotta dalla legge di Stabilità 2016 è rivolta alle s.n.c., s.a.s., s.r.l., s.p.a. e s.a.p.a., purché i soci risultino iscritti a libro soci (laddove prescritto) alla data del 30 settembre 2015 (oppure vi vengano iscritti entro 30 giorni dall'entrata in vigore della legge di Stabilità 2016 per effetto di un titolo di trasferimento avente data certa anteriore al 1° ottobre 2015), che pongano in essere, entro il 30 settembre 2016, assegnazioni o cessioni ai soci di beni immobili diversi da quelli di cui all'art. 43, comma 2, primo periodo, del TUIR n. 917/1986 (cioè dagli immobili strumentali per destinazione in quanto utilizzati esclusivamente per l'esercizio dell'arte o professione o dell'impresa commerciale da parte del possessore), o di beni mobili registrati non utilizzati come beni strumentali nell'attività propria dell'impresa.
La destinazione del bene va considerata e valutata alla data dell'atto (indipendentemente da quale fosse in precedenza).
La normativa si applica anche alle società che hanno per oggetto esclusivo o principale la gestione dei predetti beni e che entro il 30 settembre 2016 si trasformino in società semplici.
Sono agevolabili le assegnazioni di:
·         immobili, ancorché strumentali per natura (A/10, B, C, D ed E), che non siano però utilizzati direttamente per l'esercizio dell'attività di impresa da parte del loro possessore, anche se locati, concessi in comodato a terzi, ecc;
·         immobili merce (oggetto di produzione e scambio);
·         beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati nell'esercizio dell'attività di impresa e qualificabili come "beni merce";
·         immobili-patrimonio: sono beni non rientranti né nella categoria dei beni merce, né in quella di beni strumentali, ma sempre a condizione che non siano utilizzati direttamente per l'esercizio dell'attività (trattasi, per esempio, di abitazioni e/o terreni edificabili o meno locati a terzi o comunque non utilizzati per l'attività);
·         immobili di società di gestione, ove locati a terzi (sia abitativi che non);
·         terreni agricoli, anche se utilizzati dalle società operanti nel settore agricolo per effettuare la coltivazione e/o l'allevamento.

L'agevolazione consiste nella:
·         riduzione al 50% delle aliquote dell'imposta proporzionale di registro eventualmente applicabili;
·         applicazione in misura fissa delle imposte ipotecarie e catastali;
·         applicazione di un'imposta sostitutiva di IRPEF ed IRAP calcolata sulla differenza tra il valore normale dei beni assegnati o, in caso di trasformazione, dei beni posseduti all'atto della trasformazione, e il loro costo fiscalmente riconosciuto (per gli immobili il valore normale può essere assunto in misura pari a quello catastale). L'imposta è sostitutiva si applica con le seguenti aliquote:
o       8% per le società operative;
o       10,5% per le società considerate non operative in almeno due dei tre periodi di imposta precedenti.
Alle eventuali riserve in sospensione d'imposta annullate per effetto dell'assegnazione dei beni ai soci e quelle delle società che si trasformano, si applica l'imposta sostitutiva del 13%.
L'imposta sostitutiva va versata:
·         per il 60% del suo ammontare entro il 30 novembre 2016;
·         per il restante 40% entro il 16 giugno 2017.


martedì 19 gennaio 2016


IN BREVE
·         La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2016
·         Nota di variazione IVA: novità
·         730 precompilato: invio spese sanitarie 2015 in scadenza al 1° febbraio
·         Verifica limiti per liquidazioni IVA trimestrale e contabilità semplificata
·         Limiti per la tenuta della contabilità di magazzino
·         IMU “imbullonati”
·         Le nuove sanzioni tributarie amministrative dal 1° gennaio 2016
·         La riammissione a piani di rateazione decaduti
·         Novità IVIE
·         I nuovi coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni vitalizie
·         La sede dell’impresa individuale

APPROFONDIMENTI
·         La compensazione del credito IVA
·         Le novità sulla nota di variazione IVA

IN BREVE

IVA
La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2016
Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2015 può essere utilizzato a compensazione di altri tributi, già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2016 (codice tributo 6099 - anno di riferimento 2015), ma solo fino al limite massimo di 5.000 euro.
L’eventuale credito eccedente i 5.000 euro, ma entro l’ulteriore limite di 15.000 euro, potrà invece essere utilizzato a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA (quindi, per esempio, dal 16 marzo 2016 in caso di dichiarazione annuale IVA presentata entro febbraio 2016).
Il credito che dovesse eccedere i 15.000 euro potrà infine essere utilizzato in compensazione, soltanto se la dichiarazione IVA annuale riporterà il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato.
In tutti i casi in cui l’utilizzo a compensazione del credito IVA (anche in più F24) dovesse eccedere il limite dei 5.000 euro, il pagamento di ogni singolo modello F24 dovrà avvenire esclusivamente con modalità telematiche (Fisconline/Entratel) e non è consentito l’utilizzo dell’home banking.

(Vedi l’Approfondimento)

Nota di variazione IVA: novità
Legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 126 (legge di Stabilità 2016)
La legge di Stabilità 2016 ha apportato importanti novità all’art. 26, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in relazione alle note di variazione IVA.
Ha innanzitutto individuato tutti i casi in cui la nota di variazione può essere emessa a seguito di mancato pagamento, per poter recuperare l’imposta originariamente liquidata; i casi sono:
         fallimento;
         liquidazione coatta amministrativa;
         concordato preventivo;
         amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi;
         ristrutturazione debiti ex art. 182-bis, legge fallimentare;
         piano di risanamento attestato ex art. 67, comma 3, lett. d), legge fallimentare;
         procedure esecutive individuali rimaste infruttuose.

In questi casi l’emissione della nota di credito non soggiace alla regola temporale annuale dall’effettuazione dell’operazione.
Non è stato compreso tra le ipotesi di mancato pagamento il caso del committente/cessionario che acceda a una delle procedure di esdebitazione da sovraindebitamento regolate dalla legge 27 gennaio 2012, n. 3 .

(Vedi l’Approfondimento)

DICHIARAZIONI
730 precompilato: invio spese sanitarie 2015 in scadenza al 1° febbraio
Agenzia Entrate, Comunicato Stampa 5 gennaio 2016; D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175, art. 3;

A decorrere da quest’anno, per la predisposizione del 730 precompilato, il Sistema Tessera Sanitaria mette a disposizione dell’Agenzia delle Entrate le informazioni concernenti le spese sostenute per le prestazioni sanitarie; a tal fine, le strutture sanitarie ed i medici devono trasmettere al STS i dati relativi alle spese sanitarie e ai rimborsi effettuati nel 2015 per prestazioni non erogate o parzialmente erogate.
La comunicazione dei dati relativi alle prestazioni sanitarie deve avvenire da parte di:
·         farmacie (pubbliche e private);
·         aziende sanitarie locali (ASL), aziende ospedaliere, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, policlinici universitari, presidi di specialistica ambulatoriale, strutture per l'erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e assistenza integrativa, altri presidi e strutture accreditati per l'erogazione dei servizi sanitari;
·         medici e odontoiatri.

La trasmissione dei dati al Sistema Tessera Sanitaria, da effettuare esclusivamente con modalità telematiche, può essere effettuata, direttamente dall’interessato o tramite intermediario incaricato (es: commercialista, CAF, ecc.).

SCRITTURE CONTABILI
Verifica limiti per liquidazioni IVA trimestrale e contabilità semplificata
Come ogni anno, nei primi giorni di gennaio è buona cosa verificare il regime fiscale e contabile applicabile nell’esercizio e, in particolare, se può ancora essere mantenuto l’eventuale regime agevolato adottato nell’esercizio precedente.
Ricordiamo, per esempio, che possono effettuare le liquidazioni IVA con periodicità trimestrale soltanto chi ha rispettato, nell’esercizio precedente, il seguente limite di volume d’affari:
·           400.000 euro per le imprese aventi ad oggetto prestazioni di servizi;
·           700.000 euro per le imprese che esercitino attività diverse dalla prestazione di servizi.

Per quanto riguarda invece i regimi contabili, il limite dell’ammontare dei ricavi, fino a concorrenza del quale le imprese sono automaticamente ammesse al regime di contabilità semplificata (salvo la possibilità di optare per il regime di contabilità ordinaria), viene stabilito in 400.000 euro per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi e in 700.000 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività.
Il predetto limite non si applica agli esercenti arti e professioni che adottano naturalmente il regime di contabilità semplificata a prescindere dall’ammontare dei compensi percepiti (fatta salva l’opzione per il regime ordinario).

Limiti per la tenuta della contabilità di magazzino
D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 14; D.P.R. 9 dicembre 1996 n. 695, art. 1
Ricordiamo che sono obbligati alla tenuta della contabilità di magazzino i soggetti che per due esercizi consecutivi abbiano superato entrambi i seguenti limiti:
·         ricavi 5.164.568,99 euro;
·         rimanenze finali 1.032.913,80 euro.

L'obbligo di contabilità di magazzino decorre dal secondo anno successivo al verificarsi delle accennate condizioni e cessa a partire dal primo periodo di imposta successivo a quello in cui, per la seconda volta consecutiva, l'ammontare dei ricavi e il valore delle rimanenze finali, risultano inferiori ai sopraccitati limiti.


TRIBUTI LOCALI
IMU “imbullonati”
Legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, commi 21-24 (legge di Stabilità 2016)
La legge di Stabilità (art. 1, commi 21-24) prevede che dal 1° gennaio 2016 la rendita catastale degli immobili a destinazione speciale e particolare, di cui alle categorie catastali D ed E, andrà determinata tramite stima diretta “che tenga conto del suolo e delle costruzioni, nonché degli elementi ad essi strutturalmente connessi che ne accrescono la qualità e l’utilità, nei limiti dell’ordinario apprezzamento”.
Dalla stima saranno esclusi i macchinari, i congegni, le attrezzature ed altri impianti, funzionali allo specifico processo produttivo; non saranno quindi considerati gli impianti ed i macchinari c.d. “imbullonati”.
A decorrere dal 1° gennaio 2016 i proprietari degli immobili interessati potranno quindi presentare specifici atti di aggiornamento per la rideterminazione della rendita catastale.
Per gli atti di aggiornamento presentati entro il 15 giugno 2016 la rendita catastale rideterminata produrrà effetti già con decorrenza dal 1° gennaio 2016 e sarà quindi rilevante per la determinazione dell’IMU 2016.

SANZIONI
Le nuove sanzioni tributarie amministrative dal 1° gennaio 2016
Legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 133 (legge di Stabilità 2016)
La Legge di Stabilità (art. 1 comma 133) ha anticipato al 1° gennaio 2016 l'entrata in vigore della riforma delle sanzioni tributarie amministrative prevista dal D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 158.
Restano comunque ferme le sanzioni nella misura dovuta in base alle norme sulla voluntary disclosure, vigenti alla data di presentazione della relativa istanza.
Tra le principali novità, già rilevanti anche in caso di ravvedimento operoso, segnaliamo:
·         la riduzione delle sanzioni del 50% per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a 90 giorni;
·         l’introduzione di una soglia più elevata di punibilità, per gli omessi versamenti di ritenute certificate, pari a 150.000 euro;
·         l’introduzione di una soglia più elevata di punibilità, per gli omessi versamenti IVA, pari a 250.000 euro;
·         una diminuzione delle sanzioni per i casi di “reverse charge”: in caso di erronea applicazione del regime di reverse charge in luogo dell'IVA e viceversa, la sanzione è in misura fissa da 250 a 10.000 euro nelle ipotesi in cui non vi è alcun danno erariale. La sanzione in misura proporzionale, dal 90 al 180% dell'imposta rimane esclusivamente nei casi in cui il puntuale adempimento degli obblighi connessi al meccanismo dell'inversione contabile avrebbe generato, in capo al committente, una posizione di debito ai fini IVA.

RISCOSSIONE E VERSAMENTI
La riammissione a piani di rateazione decaduti
Legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, commi 134-135 (legge di Stabilità 2016)
La Legge di Stabilità (art. 1, commi 134-135) prevede che, in presenza di una definizione dell'accertamento tributario o di omessa impugnazione (ai sensi del D.Lgs. 19 giugno 1997, n. 218), i contribuenti che nei 36 mesi antecedenti al 15 ottobre 2015 sono decaduti da un piano di rateazione, possano essere riammessi al medesimo piano (ma limitatamente alle imposte dirette).
Per ottenere la riammissione ai piani decaduti il debitore dovrà:
·         riprendere il versamento della prima delle rate scadute entro il 31 maggio 2016;
·         nei 10 giorni successivi al versamento, trasmettere copia della relativa quietanza all'ufficio competente ai fini della sospensione dei carichi iscritti a ruolo. A seguito dell'invio della quietanza non possono essere avviate nuove azioni esecutive.

Si decade dal nuovo piano di rateazione in caso di mancato pagamento di due rate, anche non consecutive.

IMPOSTE INDIRETTE
Novità IVIE
Legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 16 (legge di Stabilità 2016)
La Legge di Stabilità (art. 1, comma 16) ha previsto l'esenzione dall'IVIE per l'immobile posseduto all'estero, adibito ad abitazione principale, comprese le relative pertinenze, e la casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.
L'esenzione non opera per le abitazioni c.d. di lusso, ossia di categoria catastale A/1, A/8 e A/9; in questi casi va applicata l’aliquota ridotta dello 0,4% e la detrazione, fino a concorrenza dell’imposta dovuta, di 20.000 euro, eventualmente rapportata al periodo durante il quale si realizza la destinazione ad abitazione principale.
In caso di immobile adibito ad abitazione principale da parte di più soggetti, la detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in proporzione alla quota per la quale tale destinazione si verifica.

IMPOSTE DI REGISTRO, SUCCESSIONI E DONAZIONI
I nuovi coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni vitalizie
MEF, Decreto Dirett. 21 dicembre 2015
Con il decreto dell'11 dicembre 2015 del Ministro dell'economia e delle finanze, la misura del saggio degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile è stata fissata allo 0,2% in ragione d'anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2016.
Sono stati conseguentemente aggiornati i coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni vitalizie:

Età
Usufruttuario
Coefficiente
Usufrutto
Nuda Proprietà
da 0 a 20
475
95 %
5 %
da 21 a 30
450
90 %
10 %
da 31 a 40
425
85 %
15 %
da 41 a 45
400
80 %
20 %
da 46 a 50
375
75 %
25 %
da 51 a 53
350
70 %
30 %
da 54 a 56
325
65 %
35 %
da 57 a 60
300
60 %
40 %
da 61 a 63
275
55 %
45 %
da 64 a 66
250
50 %
50 %
da 67 a 69
225
45 %
55 %
da 71 a 72
200
40 %
60 %
da 73 a 75
175
35 %
65 %
da 76 a 78
150
30 %
70 %
da 79 a 82
125
25 %
75 %
da 83 a 86
100
20 %
80 %
da 87 a 92
75
15 %
75 %
da 93 a 99
50
10%
90%

IMPRESE
La sede dell’impresa individuale
MISE, Parere 28 dicembre 2015, n. 283970
Il MISE ha precisato che l’impresa individuale che ha sede in un comune ma ha iniziato l’attività presso un’unità locale posta in diversa provincia può mantenere la sede nel primo comune.
La sede dell’impresa non coincide infatti necessariamente con il luogo in cui avviene lo scambio o la produzione di beni o servizi ma, piuttosto, con il luogo dove viene svolta l’attività di organizzazione dei fattori produttivi (capitale, lavoro) volta all’ottenimento di un prodotto idoneo a soddisfare i bisogni dei consumatori. I due luoghi anzidetti in molti casi coincidono, ma possono anche essere distinti.

Se l’imprenditore ha la propria sede in un luogo non coincidente con quello in cui viene concretamente svolta l’attività di produzione o di scambio e tali luoghi sono posti in province diverse (rientrando nella competenza, pertanto, di diversi uffici del Registro Imprese), al fine di ottemperare agli adempimenti previsti dalla disciplina in materia di pubblicità legale d’impresa, il titolare dell’impresa sarà tenuto sia ad iscrivere la sede “principale” presso l’ufficio del registro delle imprese della competente Camera di Commercio, sia a denunciare l’avvio dell’attività presso una diversa localizzazione posta in una diversa provincia.



APPROFONDIMENTI

IVA
La compensazione del credito IVA
Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2015 può essere utilizzato in compensazione con altre imposte e contributi (compensazione "orizzontale" o "esterna"), già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2016 (codice tributo 6099 - anno di riferimento 2015), ma solo fino al limite massimo di 5.000 euro.
L’eventuale credito eccedente i 5.000 euro, ma entro l’ulteriore limite di 15.000 euro, potrà invece essere utilizzato a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA (quindi, per esempio, dal 16 marzo 2016 in caso di dichiarazione annuale IVA presentata entro febbraio 2016).
Il credito che dovesse eccedere i 15.000 euro potrà infine essere utilizzato in compensazione, soltanto se la dichiarazione IVA annuale riporterà il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato.
In tutti i casi in cui l’utilizzo a compensazione del credito IVA (anche in più F24) dovesse eccedere il limite dei 5.000 euro, il pagamento di ogni singolo modello F24 dovrà avvenire esclusivamente con modalità telematiche (Fisconline/Entratel) e non è consentito l’utilizzo dell’home banking.
Il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 21 dicembre 2009, al fine di consentire la corretta esecuzione dei controlli, ha anche stabilito che la trasmissione telematica delle deleghe di pagamento recanti compensazioni di crediti IVA che superano l’importo annuo di 5.000 euro, possa essere effettuata non prima che siano trascorsi dieci giorni dalla presentazione della dichiarazione o dell’istanza da cui il credito emerge, indipendentemente dalla data di addebito indicata che, in ogni caso, non può essere inferiore al sedicesimo giorno del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione e/o dell’istanza.

Chi avesse maturato nel 2014 un credito IVA compensabile, non interamente utilizzato in compensazione nel corso del 2015, potrà proseguirne l’utilizzo (codice tributo 6099 - anno 2014) fino a quando non sarà presentata la dichiarazione annuale IVA per il 2015, all’interno della quale il credito dell’anno precedente sarà, per così dire, "rigenerato" andandosi a sommare al credito IVA maturato nel 2015.

Ricordiamo, sempre in tema di compensazioni, che dal 2011 sono operative le disposizioni contenute nell’art. 31 del D.L. n. 78/2010, che ha previsto:
         da un lato il divieto di utilizzare in compensazione i crediti erariali in presenza di debiti superiori a 1.500 euro per i quali sia scaduto il termine di pagamento (pena l’applicazione di una sanzione del 50% dell’importo indebitamente compensato),
         e, dall’altro, la possibilità di pagare, anche in parte, i ruoli erariali tramite compensazione.

Concludiamo precisando che la disciplina sulla compensazione dei crediti IVA sopra illustrata riguarda soltanto la compensazione "orizzontale" o "esterna" dei crediti IVA, e non anche la compensazione cosiddetta "verticale" o "interna", ossia la compensazione dei predetti crediti con l’IVA dovuta a titolo di acconto, di saldo o di versamento periodico.

IVA
Le novità sulla nota di variazione IVA
La legge di Stabilità 2016 ha apportato importanti novità all’art. 26, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in relazione alle note di variazione IVA.
Ha innanzitutto individuato tutti i casi in cui la nota di variazione può essere emessa a seguito di mancato pagamento, per poter recuperare l’imposta originariamente liquidata; i casi sono:
         fallimento;
         liquidazione coatta amministrativa;
         concordato preventivo;
         amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi;
         ristrutturazione debiti ex art. 182-bis, legge fallimentare;
         piano di risanamento attestato ex art. 67, comma 3, lett. d), legge fallimentare;
         procedure esecutive individuali rimaste infruttuose.
In questi casi l’emissione della nota di credito non soggiace alla regola temporale annuale dall’effettuazione dell’operazione.
Non è stato compreso tra le ipotesi di mancato pagamento il caso del committente/cessionario che acceda a una delle procedure di esdebitazione da sovraindebitamento regolate dalla legge 27 gennaio 2012, n. 3 .

Il “nuovo” art. 26 individua anche la data dalla quale il creditore può emettere la nota di variazione. In particolare  prevede che la facoltà di emettere la nota di credito decorre:
"a) a partire dalla data in cui quest’ultimo è assoggettato a una procedura concorsuale o dalla data del decreto che omologa un accordo di ristrutturazione dei debiti di cui all’art. 182-bis del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, o dalla data di pubblicazione nel registro delle imprese di un piano attestato ai sensi dell’art. 67, terzo comma, lettera d), del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267;
b) a causa di procedure esecutive rimaste infruttuose."
Pertanto non si dovrà più attendere la conclusione della procedura e l’IVA potrà essere recuperata all’avvio della procedura concorsuale. Qualora poi il creditore dovesse incassare il suo credito o una parte dello stesso, scatterà l’obbligo di emettere corrispondente nota di variazione in aumento.
Per quanto riguarda le procedure esecutive individuali ricordiamo che le stesse si considerano infruttuose:
1.      quando dal verbale di pignoramento presso terzi, redatto dall’ufficiale giudiziario, risulta che non vi sono beni o crediti da pignorare;
2.      quando dal verbale redatto dall’ufficiale giudiziario risulti la mancanza di beni da sottoporre a pignoramento, ovvero l’impossibilità di accesso al domicilio del debitore ovvero la sua irreperibilità;
3.      quando l’asta per la vendita dei beni pignorati sia andata deserta per tre volte e si decide d’interrompere la procedura esecutiva per eccessiva onerosità.
Per espressa previsione dell’art. 26, comma 5, riformulato nel caso in cui il cedente o prestatore si avvalga della facoltà di emettere la nota di variazione per mancato pagamento a carico del soggetto di cui al quarto comma, lettera a), il curatore non deve procedere alla registrazione del documento ricevuto.

ATTENZIONE
Decorrenza delle novità

Per espressa previsione normativa le disposizioni che riguardano l’emissione di nota di credito “immediata” in caso di procedure concorsuali (lett. a)) si applicheranno nel caso in cui il committente o cessionario sia assoggettato a una procedure concorsuale successivamente al 31 dicembre 2016.